Il comitato per Libra è ufficiale. Libra ancora no

Il comitato per Libra raggruppa ufficialmente 21 membri, ma altre società hanno detto no.

Coinbase ed altre società molto importanti nel settore delle cryptovalute decentralizzate oggi sostengono Libra, l’idea di Zuckerberg e co. (tutt’altro che decentralizzata), nel portare avanti il progetto Libra, mentre Ebay, Paypal, Mastercard, Visa ed altre società rilevanti hanno a sorpresa ritardato la loro entrata nel progetto abbandonando per ora il gruppo. Un vero e proprio esodo improvviso che lascia perplessi e cede il posto ad altre 1500 società che sembrano interessate a far parte di questa nuova entità.

I membri del Il Libra Council, hanno nominato il consiglio di amministrazione per la gestione di Libra. I cinque membri sono: Matthew Davie (Kiva Microfunds); Patrick Ellis (PayU); Katie Haun (Andreessen Horowitz); Wences Casares (Xapo Holdings) e David Marcus, ex presidente di PayPal a capo di Messenger e di Calibra, la sussidiaria di Facebook che si occupa della valuta.

Le numerose uscite rendono ora più difficile il futuro di Libra che rischia di essere confinata a una normale valuta digitale
Le numerose uscite rendono ora più difficile il futuro di Libra che rischia di essere confinata a una normale valuta digitale

Le numerose uscite rischiano di confinare Libra ad una normale valuta digitale senza nulla di eclatante?

La struttura operativa è stata creata ma il problema reale è che la criptovaluta Libra non sarà pronta per il 2020 come avevano pronosticato. Questo significa che il progetto iniziale prevedeva pagamenti attuabili già dalla fine del 2020. In realtà però le cose non sono andate così ed è stata posticipata la partenza che ha fatto declinare l’invito al progetto , rendendo il tutto meno valevole di attenzione rispetto a ciò che inizialmente veniva proclamato il progetto rivoluzionario che avrebbe messo KO molte altre cryptovalute e che faceva tremare molte società del settore e anche l’economia stessa.

Riuscirà Libra ad affermarsi?

“Anche se potremmo essere pronti dal punto di vista tecnologico, l’aspetto regolamentare è quello più carico di incertezza. Abbiamo la necessità di ottenere le adeguate approvazioni regolamentari e questa è la parte che potrebbe non essere pronta in tempo”, ha commentato Dante Disparte, responsabile della comunicazione di Libra e fresco di nomina come vicepresident, al Financial Times.

Desiderate anche voi far parte di un progetto legato ai Bitcoin e alle cryptovalute? In Italia è nato un progetto grandioso: Crypto Point Italia, un franchising innovativo che vi permetterà di acquisire competenze specifiche che vi renderà imprenditori nel campo delle cryptovalute e dei Bitcoin a partire da subito! Contattateci immediatamente!



Add a comment

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione per garantirti una migliore esperienza di navigazione!  Crypto Point Italia tiene alla tua Privacy (GDPR). Prima dell'utilizzo del servizio SalesPoint e/o BCash ATM leggere i nostri termini d'uso e regolamento